Economia

Prestito personale: le proposte disponibili sul mercato

Prestito personale: le proposte disponibili sul mercato

Sono da anni disponibili anche in Italia i cosiddetti prestiti personali. Si tratta di finanziamenti non finalizzati, per i quali il richiedente non è costretto ad indicare alla banca le motivazioni per cui sta richiedendo i soldi. Potrà quindi utilizzarli anche semplicemente per avere a disposizione della liquidità in banca, o per saldare delle spese improvvise.

Come richiedere n prestito personale

Le proposte delle banche italiane sono più o meno simili tra di loro, come possiamo approfondire anche sul sito finanzamia.com. Ci sono però alcune particolarità che possono rendere più o meno interessante un’offerta rispetto alle altre. In linea generale può richiedere un prestito personale qualsiasi residente in Italia maggiorenne, che non abbia un’età superiore ai 75 anni; ci sono banche che accettano richieste di finanziamenti di questo tipo anche da soggetti più anziani, obbligandoli però a sottoscrivere un contratto di assicurazione, che porta ad aumentare leggermente le rate di restituzione del prestito.

Per poter ottenere un prestito personale è poi necessario poter dimostrare una fonte di reddito, questo anche se la richiesta economica è irrisoria, poniamo anche di soli 1.000 euro. Le regole per quanto riguarda questo tipo di finanziamento obbligano le banche a stabilire il periodo di ammortamento non oltre le 120 rate mensili; quindi non è possibile richiedere il pagamento in tempi più lunghi. Inoltre ogni banca fissa un tetto massimo di fondi richiedibili, di solito superiore ai 50.000 euro.

Ottenere un Prestito Personale

Il fatto che chiunque possa richiedere un Prestito Personale non implica necessariamente che le banche siano particolarmente favorevoli ad accordare il finanziamento ai loro clienti. La principale questione riguarda la possibilità per il cliente di restituire quanto richiesto in tempi brevi.

Per poter ottenere un prestito di questo genere è necessario essere in grado di dimostrare di avere delle entrate, di qualsiasi tipologia esse siano. Solitamente tra le credenziali maggiormente gradite alle banche troviamo la disponibilità di un’entrata mensile, come ad esempio una pensione o una busta paga.

Oppure la possibilità di dimostrare di avere un’attività in proprio di successo. Chi ha un lavoro a tempo determinato di solito è costretto a presentare ulteriori credenziali, come ad esempio il possesso di un’abitazione, o anche la possibilità di indicare dei garanti. Un garante è una persona che si impegna a saldare le rate nel caso in cui il debitore non sia in grado di farlo. Non è necessario che tra i due esista vincolo di alcun tipo, può essere quindi anche un conoscente, o il datore di lavoro.

Particolari offerte

Le diverse banche operanti in Italia offrono ai loro clienti diverse tipologie di prestito personale, con particolari proposte da valutare a seconda del singolo cliente o del periodo.

Ad esempio alcune banche scontano le rate di restituzione del prestito nel caso in cui i versamenti avvengano da un conto corrente della banca stessa. Oppure ci sono banche che permettono ai clienti di “saltare” una rata all’anno, per motivazioni particolari. Chiaramente queste proposte vanno valutate caso per caso.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *